18.2 C
Rome
lunedì, 22 Luglio 2024

Portici d’Estate, l’evento che cambiò la Puglia

Come nacque Portici d’Estate

Nel pittoresco borgo di Martina Franca, sorgeva un porticato dallo stile neo-classico progettato dall’architetto Davide da Conversano nel 1854.

La prima sfilata di Portici d'eState
La prima sfilata di Portici d’eState

Questo luogo aveva storicamente funzionato come punto di ritrovo per il commercio locale.

Tuttavia, agli inizi degli anni ’90, avvenne una significativa trasformazione. Quel porticato, i Portici di Martina Franca, diventarono il simbolo della trasformazione delle imprese tessili pugliesi e logo di grande richiamo turistico

Antonio Rubino, giornalista con profonde competenze in marketing e comunicazione, ebbe un’idea audace: trasformare il porticato in un palcoscenico per un evento chiamato “Portici d’Estate”.

Nel 1992, questa manifestazione prendeva vita, portando con sé un’aria di innovazione e cambiamento. Il porticato avrebbe ospitato uno spettacolo di moda e arte senza precedenti.

“Portici d’Estate” divenne un’occasione straordinaria per riunire artisti, stilisti e laboratori di moda pugliesi.

Antonio Rubino aveva una visione chiara: promuovere le aziende locali, aiutandole a trasformarsi in brand di risonanza internazionale.

In quei tempi, nella Valle d’Itria e la Murgia Sud Barese c’erano soprattutto laboratori di confezioni noti come “fasonisti” che realizzavano capi d’abbigliamento, in particolare capispalla, per noti brand internazionali.

Oltre a ciò, in Puglia stavano emergendo laboratori artigianali di abiti da sposa.

Quei portici divennero testimoni di tante storie passate, si preparava a diventare il centro di attenzione di un evento che avrebbe lasciato un segno duraturo.

La prima edizione di “Portici d’Estate” si prospettava come una celebrazione della creatività, dell’artigianato e dell’innovazione.

Il palcoscenico era pronto, gli artisti erano impazienti e la città stessa sembrava vibrare nell’attesa di un nuovo capitolo nella sua storia: un capitolo che avrebbe trasformato il porticato in molto più di un semplice punto di ritrovo, ma in un simbolo di cambiamento e ispirazione.

La prima edizione nel 1992 una piazza gremita all'inverosimile
La prima edizione nel 1992 una piazza gremita all’inverosimile

 

 

Il Credo di Antonio Rubino: La Potenza della Comunicazione e del Marketing

Il cuore del credo di Antonio Rubino risiedeva nella comunicazione e nel marketing, potenti veicoli attraverso i quali le idee prendono forma e si diffondono. Per lui, la comunicazione e il marketing non erano solo concetti astratti, ma forze vitali che potevano essere espressi attraverso una varietà di strumenti, tra cui l’editoria, il giornalismo, la formazione, la pubblicità e, naturalmente, gli eventi. Questi ultimi, in particolare, si rivelarono uno dei mezzi più efficaci per trasmettere messaggi, connettere persone e creare esperienze indimenticabili.

L’evento “Portici d’Estate” fu la personificazione di questa visione di comunicazione e marketing integrati. Oltre a essere un’iniziativa di moda e spettacolo, rappresentava un veicolo per esprimere idee, promuovere la cultura e condividere storie. Attraverso una strategia di marketing attenta e coinvolgente, Antonio Rubino ha saputo catturare l’attenzione del pubblico, generando interesse e partecipazione.

Ogni edizione di “Portici d’Estate” era un’opportunità per comunicare qualcosa di unico attraverso un mix di marketing e pubblicità.

La manifestazione diventava uno spazio in cui l’arte della comunicazione e del marketing si manifestava in tutta la sua potenza, trasformando uno spazio fisico in un luogo di emozioni, connessioni e ispirazione.

Attraverso la comunicazione e il marketing, Antonio Rubino ha trasformato “Portici d’Estate” in un evento che andava oltre la moda e lo spettacolo, diventando un mezzo per promuovere l’identità culturale e imprenditoriale di una regione.

Il suo credo ha dimostrato che la comunicazione e il marketing sono armi potenti per creare cambiamento, promuovere l’innovazione e connettere persone provenienti da diverse realtà.

L’eredità di Antonio Rubino e del suo credo nella comunicazione e nel marketing resterà incisa nella storia di “Portici d’Estate” e nel tessuto stesso della Puglia. Mentre l’evento si avvia alla sua conclusione, l’importanza della comunicazione e del marketing come strumenti di cambiamento e connessione continuerà a guidare le menti creative e imprenditoriali nel futuro.

Con il passare del tempo, il messaggio di Antonio Rubino rimarrà vivo, dimostrando che la comunicazione e il marketing sono davvero potenti mezzi per creare un impatto duraturo.

Antonio Rubino, all’epoca trentenne, portava nel suo DNA un talento innato per la comunicazione. A quei tempi editava e dirigeva Puglia Press un quotidiano cartaceo free-press, ma vantava esperienze nelle prime radio libere in Italia, nelle TV private ma anche nella TV pubblica come giornalista ad uno Mattina e la Vita in diretta

Antonio Rubino giornalista ad Uno Mattina con Roberta Capua
Antonio Rubino giornalista ad Uno Mattina con Roberta Capua

Era un nome già noto nel mondo dell’organizzazione di eventi, grazie alla sua formazione durante alcuni grossi concorsi di bellezza come Miss Italia ed Una Italiana per Miss Mondo accanto a figure di spicco come Enzo Zambetta e Pippo Baudo.

Con l’attore Lucio Montanaro, aveva creato una serie di indimenticabili eventi e manifestazioni.

La sua attività non si limitava solo agli spettacoli.

Era stato il mentore dell’organizzazione degli incontri di calcio per beneficenza della Nazionale Attrici e cantanti, un team che annoverava volti noti del mondo del cinema e dello spettacolo.

Oltre a questo, aveva esteso la sua esperienza nell’organizzazione di eventi in tutta la Puglia, mettendo in mostra le sue abilità nel creare atmosfere uniche e coinvolgenti.

Tuttavia, il vero sogno di Antonio Rubino era qualcosa di più ambizioso. Si ispirava all’evento “Donne sotto le stelle” che aveva luogo a Roma, precisamente in Piazza di Spagna.

Lì trovava il suo punto di riferimento, e aspirava a creare un evento altrettanto memorabile e coinvolgente nel suo territorio pugliese.

Fu nel 1995 che la svolta arrivò per Rubino. Collaborò con la produzione cinematografica nell’organizzazione del film “Palermo Milano solo andata” prodotto da Pietro ed Umberto Innocenti che vantava un cast di talenti quali Roul Bova, Giancarlo Giannini e Stefania Sandrelli, oltre ad altri noti artisti.

Antonio Rubino patecipò alla produzione di Palermo Milano solo andata
Antonio Rubino patecipò alla produzione di Palermo Milano solo andata

Curò la scelta delle location e nella selezione delle 400 comparse per le riprese che si svolsero ad Ostuni.

Questa collaborazione rappresentò un momento cruciale nella sua carriera

La sua passione per l’organizzazione di eventi si fondeva con la magia del cinema, aprendo nuove prospettive creative per il suo futuro.

Il suo percorso non faceva che iniziare, ma aveva già dimostrato di possedere la capacità di trasformare idee in realtà coinvolgenti e indimenticabili.

 

Gli Inizi Trionfali di “Portici d’Estate”

 

Tutte le fondamenta erano state poste, e il momento di dare vita al sogno di Antonio Rubino era finalmente arrivato.

Nel 1992, “Portici d’Estate” fece il suo debutto nei suggestivi portici di Martina Franca, gettando le basi per una manifestazione che avrebbe rivoluzionato il panorama culturale e sociale della regione.

La prima edizione si distinse per una durata di sei giorni, durante i quali il piccolo angolo di piazza divenne il punto focale di un’esperienza straordinaria.

Più di 20.000 persone si riunirono sotto i portici, provenienti da ogni angolo della regione e al di là dei confini locali.

Era come se tutti si fossero affacciati su questa piazza per la prima volta, scoprendo una realtà che aveva dormito nell’ombra per troppo tempo. L’evento stava gettando nuova luce sulla bellezza e il potenziale di Martina Franca.

Daniele Piombi, Franco Solfiti e Daniela Poggi furono i presentatori della prima edizione di “Portici d’Estate”, aggiungendo fascino e personalità alla manifestazione.

Ma il tocco di magia era portato dalla celebre madrina, l‘attrice Dalila di Lazzaro. La sua presenza sul palco aggiunse un’aura di glamour e prestigio all’evento, catturando l’attenzione del pubblico e dei media.

Le passerelle erano animate da modelli e modelle prevalentemente pugliesi e tra questi spiccavano nomi destinati a diventare icone del mondo dello spettacolo.

Beppe Convertini e Rossella Brescia erano tra i volti che brillavano sul palco, facendo il loro primo passo verso destini ambiziosi.

Rossella Brescia a Portici d'Estate
Rossella Brescia a Portici d’Estate

Beppe Convertini, in particolare, è diventato una presenza costante nelle edizioni successive di “Portici d’Estate”.

Beppe Convertini
Beppe Convertini

Da steward a vincitore del concorso nazionale “Il Più Bello d’Italia”, da modello a presentatore. Il suo attaccamento alla manifestazione ed all’organizzatore testimoniano il legame profondo con l’evento che l’aveva visto crescere e fiorire.

Allo stesso modo, Rossella Brescia trovò nel palco di “Portici d’Estate” l’opportunità di incontrare importanti personaggi dello spettacolo, aprendo le porte a nuove opportunità.

La sua carriera da ballerina, attrice e presentatrice sarebbe decollata anche grazie alla visibilità ottenuta in questo palcoscenico unico.

“Portici d’Estate” non era solo un evento di moda; era diventato un trampolino di lancio per talenti emergenti, un punto di incontro per le menti creative e un luogo di scoperta per un pubblico sempre più vasto.

L’entusiasmo iniziale e l’energia creativa che circondava questa manifestazione avrebbero segnato la sua crescita costante e il suo impatto duraturo sulla regione e oltre.

La piazza, una volta silenziosa, si era trasformata in un crocevia di opportunità e di ispirazione.

 

Crescita Esponenziale e Nuove Location

Dopo pochi anni dal suo inizio, la piazza dei portici si rivelò troppo piccola per ospitare un evento di dimensioni così straordinarie.

Giorgia a Portici d'Estate
Giorgia a Portici d’Estate

L’entusiasmo crescente e i grandi nomi che si susseguivano richiedevano uno spazio più ampio. Giorgia, Alex Baroni, Franco Califano, Enrico Ruggieri, Bruno Lauzi, Fred Bongusto, Massimo Modugno, Scimemi, Pino Campagna, Rossana Casale, Tosca, Barbara Bouchet, Valeria Marini, Debora Caprioglio, Memo remigi,  Maria Teresa Ruta, Riccardo Fogli, Romano Mussolini, Mietta, Cristiano Malgioglio, Tiberio Timperi, Corrado Tedeschi, Ron, Manuela Arcuri, Serena Autieri, Paola Gassman, Cristian, Nicola di Bari,  Ugo Pagliai… questi erano solo alcuni dei nomi che adornavano le affollate serate di “Portici d’Estate”.

Manuela Arcuri a Portici d'Estate
Manuela Arcuri a Portici d’Estate

La manifestazione stava crescendo a ritmo sostenuto, attrarre artisti di calibro sempre maggiore e attirando folle di appassionati provenienti da ogni angolo.

Fu così che “Portici d’Estate” decise di spostarsi in Piazza XX Settembre, una nuova location con strutture all’altezza delle sue ambizioni. L’obiettivo era quello di creare uno scenario ancora più impressionante, in grado di ospitare il crescente pubblico e le esibizioni dei talenti in programma.

Portici d'Estate in Piazza XX Settembre a Martina Franca
Portici d’Estate in Piazza XX Settembre a Martina Franca

Con il passaggio in Piazza XX Settembre, la manifestazione raggiunse nuovi livelli di grandezza e spettacolarità.

Le strutture imponenti si ergevano come cornici ideali per gli artisti di grande richiamo, e la folla non faceva che aumentare ad ogni edizione. Il successo di “Portici d’Estate” non poteva essere fermato, e le collaborazioni chiave avrebbero svolto un ruolo fondamentale nel suo cammino.

Uno degli elementi cruciali per questa crescita esponenziale e stato il connubio con Fulvio Valente, che dalla manifestazione “Donna Sotto le Stelle” portò nuova energia prospettive alla manifestazione e di Raffaella Spina che è stata per molte edizioni l’anima della manifestazione affiancando Antonio Rubino nell’organizzazione.

Grazie alla visione condivisa e alla passione comune, Antonio Rubino, Fulvio Valente, regista, coreografo di grandi eventi internazionali e Raffaella Spina riuscirono a trasformare “Portici d’Estate” in un evento di portata nazionale e internazionale.

Le loro capacità e il loro impegno si fusero, generando un’atmosfera di creatività e successo che continuò a crescere anno dopo anno.

Così, mentre la manifestazione si spostava in nuove location e raggiungeva nuove vette di popolarità, l’impegno e la dedizione di Antonio Rubino, Fulvio Valente e di tutto il team di “Portici d’Estate” avrebbero contribuito a forgiare un evento che sarebbe diventato un’icona nel panorama italiano.

La storia di “Portici d’Estate” stava solo iniziando, ma la sua crescita impressionante e il suo impatto duraturo avrebbero reso questa celebrazione della moda, dell’arte e della cultura una pietra miliare nell’universo degli eventi.

 

Crescita delle Aziende e Nuovi Orizzonti

Mentre “Portici d’Estate” continuava a crescere in popolarità e importanza, le aziende tessili locali trovavano nuovi sbocchi grazie a questa celebrazione della moda e dell’arte.

Nomi come Lerario, Ancona, ICA, Palazzo, Cannarile, Petrelli, Tagliente, Tardia, Quattro Più, De Vittoria, Nardelli, Colucci, Bagnardi, Acquaviva, Pellicceria Maria Caramia, stavano emergendo come vere e proprie forze nell’industria tessile, trasformandosi da laboratori locali in brand di risonanza internazionale.

Queste aziende, guidate da famiglie con figli e nipoti, stavano lasciando un’impronta indelebile nell’ambito della moda.

Parallelamente alla crescita delle aziende tessili, gli atelier di abiti da sposa stavano vivendo una rinascita. Nomi come Samantha Spose, Idea Sposa, Maria Calella, Comes, Desirèe di Grazia Palmieri, Corinne e tante altre stavano guadagnando popolarità e riconoscimento grazie alla loro presenza a “Portici d’Estate”.

 

L’evento aveva offerto loro una piattaforma per mostrare la loro maestria nel creare abiti da sposa unici e incantevoli, attingendo alle tradizioni artigianali della Puglia per creare creazioni di classe mondiale.

Fulvio Valente si rivelò l’artefice di queste connessioni e sinergie. Grazie alla sua influenza, le Top Model furono portate a partecipare a “Portici d’Estate”, contribuendo a elevare ulteriormente il prestigio dell’evento.

Le modelle di fama internazionale portarono con sé un tocco di eleganza e stile, incanalando l’attenzione su Martina Franca e le sue imprese tessili.

La partnership tra Antonio Rubino, Fulvio Valente si dimostrò vincente, non solo per la manifestazione stessa, ma anche per l’intera industria tessile locale.

Le loro visioni e il loro impegno avevano reso “Portici d’Estate” un trampolino di lancio per le aziende locali, trasformando laboratori in brand di successo e atelier di abiti da sposa in mete ambite.

Così, mentre il palco di “Portici d’Estate” continuava ad essere illuminato da artisti di fama e talenti emergenti, il contesto sottostante stava attraversando una rinascita.

Le tradizioni artigianali della Puglia, unite alla creatività e all’impegno degli imprenditori locali, stavano creando una realtà in cui l’innovazione e la tradizione si fondevano in una sinfonia di successo.

La storia di “Portici d’Estate” era diventata un racconto di crescita, opportunità e partnership, trascinando con sé la rinascita di un’intera comunità imprenditoriale e culturale.

L’Innovazione che ha Trasformato il Futuro

L’innovazione e la creatività dell’organizzatore avevano raggiunto nuove vette con l’introduzione del Concorso Internazionale Giovani Stilisti, noto anche come “Premio Città di Martina Franca”.

Quest’idea geniale avrebbe cambiato il corso dell’evento e avrebbe gettato un ponte tra le nuove generazioni di stilisti e le imprese locali.

Stilisti provenienti da accademie di tutta Europa affollarono la manifestazione, portando con loro un’energia fresca e idee innovative.

Il concorso rappresentava un’opportunità senza precedenti per i giovani talenti di mettersi alla prova, ottenere visibilità e, cosa ancora più importante, connettersi con le aziende locali disposte ad accoglierli negli stage.

Questo approccio vincente creò un circolo virtuoso: le imprese locali trassero beneficio dalle nuove menti creative, mentre gli studenti ottennero l’opportunità di mettere in pratica le proprie abilità.

L’idea di Rubino si rivelò un’arma vincente, capace di dare una svolta all’intera industria tessile locale.

Numerose aziende pugliesi trovarono nei giovani stilisti delle risorse innovative, rafforzando la loro competitività sul mercato.

Molti dei partecipanti al concorso sono diventati nomi affermati nell’ambito della moda, dimostrando l’efficacia di questa iniziativa.

Tra i successi del concorso, emergono i nomi di Michele Miglionico, Antonio Martino e Bruno Simeone.

Questi tre stilisti hanno vinto il premio in diversi anni e sono diventati figure di spicco nel panorama della moda contemporanea.

Bruno Simeone, in particolare, originario di Martina Franca, ha creato il brand “Rosso Rame” insieme a Daniele Del Genio, portando avanti l’eredità di innovazione e creatività che “Portici d’Estate” aveva contribuito a sviluppare.

L’audace idea di Rubino di unire giovani stilisti e imprese locali attraverso il concorso ha dimostrato di essere l’elemento chiave che ha spinto l’industria tessile pugliese verso nuovi orizzonti.

Questo legame tra tradizione e innovazione ha trasformato il futuro della moda in Puglia, posizionando la regione come centro di creatività e ispirazione per le nuove generazioni di stilisti e imprenditori.

Sfide e Cambiamenti nell’Avventura di Portici d’Estate

Nonostante i successi e le vette raggiunte da “Portici d’Estate”, il rapporto con le amministrazioni locali è stato spesso segnato da sfide e complicazioni.

Il percorso della manifestazione è stato caratterizzato da spostamenti e cambiamenti, spesso dovuti a dinamiche politiche e amministrative che hanno influenzato il suo sviluppo.

La migrazione della manifestazione a Taranto per alcuni anni ha segnato una fase di cambiamento e crescita. In questo nuovo scenario, “Portici d’Estate” ha ospitato grandi nomi dello spettacolo come Loredana Bertè, Mango, Enzo Decaro, Ela Weber, Zarrillo, Alexia, Max Gazzè, Nada, Denharrow, Max Tortora,Santa Esmeralda, Antonella Ruggiero, Minghi, Franco Califano e molti altri.

Portici d'Estate si spostò a Taranto nella bellissima Piazza Maria Immacolata
Portici d’Estate si spostò a Taranto nella bellissima Piazza Maria Immacolata

La straordinaria scenografia, con la fontana di Piazza Maria Immacolata come elemento centrale, ha aggiunto ulteriore fascino alle edizioni tarantine.

Tuttavia, nonostante i successi ottenuti a Taranto, “Portici d’Estate” è tornata a Martina Franca, affrontando ancora sfide legate al supporto delle amministrazioni locali. Gli spostamenti e le incertezze politiche hanno reso difficile mantenere un rapporto stabile con le istituzioni.

Portici d'Estate in Piazza Crispi
Portici d’Estate in Piazza Crispi

 

A Martina Franca le ultime edizioni hanno avuto grandi artisti come Alex Belli, Anna Tatangelo, Patti Pravo, Luca Barbarossa, Stefano Palatresi, Ron, Dolcenera, Paola e Chiara, Geraldina Trovato, Simone Cristicchi, Irene Grandi, Spagna, Marco Masini, Zero Assoluto, Zero assoluto, Barbara D’Urso,

Patti Pravo a Portici
Patti Pravo a Portici d’Estate

Una edizione anche a Margherita di Savoia durante l’Amministrazione guidata da Gabriella Carlucci. In quella edizione presentata da Beppe Convertini, tra gli ospiti Peppino Di Capri, Irene Fornaciari, Carla Fracci, Carlo Verdone

Carla Fracci Portici d’estate Margherita.JPG
Carlo Verdone a Margherita di Savoia con Antonio Rubino
Carlo Verdone a Margherita di Savoia con Antonio Rubino

Mentre la Regione Puglia e la Provincia hanno in passato sostenuto l’evento, le amministrazioni comunali che si sono susseguite a Martina Franca non sempre hanno dimostrato lo stesso grado di impegno.

Gli alti e bassi dei rapporti politici hanno portato “Portici d’Estate” a non godere di un patrocinio stabile. L’evento si è dovuto affidare principalmente agli sponsor per garantirne la realizzazione.

Nonostante queste sfide, la manifestazione ha continuato a offrire spettacoli di alta qualità e ad attirare grandi nomi dello spettacolo, dimostrando la sua resilienza e il suo impatto duraturo.

La storia di “Portici d’Estate” è una testimonianza dell’impegno costante di Antonio Rubino e del suo team nel portare avanti un evento di grande importanza culturale nonostante le difficoltà.

La sua capacità di adattarsi e affrontare le sfide ha reso “Portici d’Estate” un’istituzione nel panorama degli eventi italiani, un simbolo di creatività, innovazione e passione che ha affascinato il pubblico e dato visibilità alla moda e all’arte nella regione.

 

Il Premio Valle d’Itria: Un Tributo all’Ingegno e all’Innovazione

Nel corso degli anni, un elemento fondamentale per il successo e la risonanza di “Portici d’Estate” è stato il Premio Valle d’Itria per l’industria, il commercio, l’artigianato e il turismo.

Questo premio, inizialmente concepito in ambito pugliese, ha gradualmente esteso la sua influenza a livello nazionale ed europeo. Il Premio Valle d’Itria è diventato un segno distintivo di riconoscimento per l’ingegno, l’innovazione e il talento.

Nel corso degli anni, il Premio ha offerto un tributo agli imprenditori e alle imprese che si sono distinti per la loro visione lungimirante. Questo riconoscimento ha contribuito a creare una rete di eccellenza, valorizzando coloro che hanno portato avanti l’innovazione nei settori dell’industria, del commercio, dell’artigianato e del turismo.

Il noto imprenditore Giovanni D'Ambrosio della Deliziosa premiato da Barbara Bouchet
Il noto imprenditore Giovanni D’Ambrosio della Deliziosa premiato da Barbara Bouchet
Luca Montrone presidente di Tele Norba premio alle d'Itria
Luca Montrone presidente di Tele Norba premio alle d’Itria

Il Premio Valle d’Itria ha fatto eco all’essenza stessa di “Portici d’Estate”: l’idea di connettere tradizione e innovazione.

Questo riconoscimento ha reso omaggio a coloro che hanno saputo abbracciare nuove idee, che hanno saputo reinventarsi e che hanno portato avanti l’essenza creativa della regione.

L’apertura del premio a livello nazionale ed europeo ha reso evidente la capacità della Puglia di eccellere in settori diversi e di influenzare la scena imprenditoriale su larga scala.

L’interazione tra il Premio Valle d’Itria e “Portici d’Estate” ha creato una sinergia che ha alimentato la crescita e la reputazione di entrambe le iniziative.

Questo legame ha consolidato l’evento come una celebrazione dell’ingegno umano, un punto d’incontro per menti creative e imprese innovative che cercavano di fare la differenza nel panorama italiano ed europeo.

L’ingegno e l’innovazione del Premio Valle d’Itria, hanno contribuito a plasmare il percorso di “Portici d’Estate”, offrendo nuove prospettive e spazi di crescita in un contesto in continua evoluzione.

La storia di queste due iniziative è una dimostrazione del potere di collaborazione e di come l’ingegno possa plasmare il futuro di una comunità e di un intero territorio.

 

Il Capitolo Finale di Portici d’Estate

Quest’anno segna la chiusura di un lungo e prezioso capitolo nella storia di “Portici d’Estate”. Con profondo rispetto per i cambiamenti del tempo e dell’economia, la manifestazione che ha iniziato il suo cammino 31 anni fa si prepara a calare il sipario.

Il mondo è mutato, l’industria tessile ha subito trasformazioni significative e il contesto economico ha presentato nuove sfide. Nonostante tutto ciò, “Portici d’Estate” ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della moda e dell’arte in Puglia.

Il know-how e l’energia creativa che hanno caratterizzato “Portici d’Estate” hanno contribuito a plasmare un panorama imprenditoriale che oggi racconta una storia di resilienza e successo.

Mentre alcune aziende tessili pugliesi del 1992 si sono ridotte nel tempo, altre hanno compiuto un’evoluzione straordinaria, divenendo brand di fama nazionale e internazionale.

La Puglia ha dimostrato una capacità di adattamento e innovazione che ha portato a un aumento significativo della qualità e dell’eccellenza nei settori dell’abbigliamento e degli abiti da sposa.

In questa edizione conclusiva di “Portici d’Estate”, il focus si sposta sulle aziende produttrici di abbigliamento e abiti da sposa che sono diventate leader in Italia e nel mondo.

L’evento vuole celebrare le eccellenze del Centro Sud Italia in settori diversi, premiando le imprese che hanno fatto dell’innovazione la loro missione e che hanno affrontato le sfide del tempo con coraggio e determinazione.

Oltre a premiare le aziende di successo, “Portici d’Estate” desidera anche riconoscere e onorare quelle imprese che hanno passato il testimone da una generazione all’altra, affrontando il tempo e mantenendo vive le tradizioni.

Questa ultima edizione è guidata dalla visione di Antonio Rubino, un uomo che ha dedicato anni di impegno e passione all’evento.

La storia di “Portici d’Estate” non si conclude con questa edizione, ma lascia una traccia indelebile di creatività, innovazione e crescita. Mentre il sipario si abbassa su questa esperienza straordinaria, le sue influenze continueranno a ispirare e guidare le menti creative e imprenditoriali della Puglia e oltre.

La chiusura di questo capitolo è un omaggio all’eredità che “Portici d’Estate” ha lasciato, e un invito a guardare al futuro con la stessa passione e determinazione che l’hanno guidata per oltre tre decenni.

Si sta concludendo il programma di Portici d’state. L’organizzatore promette un evento emozionante che ricordi il passato, ma che guarda il futuro con grande ottimismo. L’ultima edizione si svolgerà nel rinnovato Teatro Nuovo di Martina Franca il 10/11/12 Novembre proprio durante l’estate di San Martino.

Ci saranno grossi nomi dello spettacolo, del cinema, della televisione e … della cultura.  Un cast eccezionale che sarà ufficializzato in una imminente conferenza stampa che sarà fatta a Roma. Portici d’Estate è un evento nazionale con delle sfumature internazionali. Preparatevi ad un grande evento

 

L’Epilogo di Portici d’Estate: Un Nuovo Inizio

 

Il sipario sta per chiudersi su “Portici d’Estate”, ma la sua ultima edizione promette di essere un evento emozionante che celebra il passato e guarda al futuro con ottimismo e determinazione.

Questo addio è un arrivederci pieno di significato, poiché l’evento finale è destinato a lasciare un’impressione indelebile nella storia della moda, dell’arte e della cultura.

Il 10, 11 e 12 novembre, nel rinnovato Teatro Nuovo di Martina Franca, la manifestazione avrà luogo durante l’estate di San Martino, un momento carico di suggestioni. L’atmosfera sarà carica di emozioni, mentre si avvicina l’addio a un capitolo così significativo.

L’evento rappresenterà un ponte tra passato e futuro, unendo la nostalgia per ciò che è stato alla speranza per ciò che verrà.

Un cast eccezionale di grandi nomi dello spettacolo, del cinema, della televisione e della cultura sarà al centro dell’attenzione.

L’organizzatore ha promesso una line-up di stelle che ha il potere di emozionare e ispirare il pubblico, creando un’esperienza indimenticabile. La conferenza stampa imminente a Roma rivelerà ufficialmente il cast di questa edizione finale, generando aspettative e curiosità.

“Portici d’Estate” non è solo un evento locale, ma un’occasione che ha attirato l’attenzione nazionale e internazionale. La manifestazione ha saputo coniugare cultura, moda e spettacolo in un mix unico e coinvolgente.

Quest’ultimo atto dell’evento si preannuncia all’altezza di questa reputazione, portando in primo piano il meglio che il Centro Sud Italia ha da offrire.

Mentre il sipario cala su “Portici d’Estate”, si apre una nuova fase, un nuovo inizio che, anche se diverso, promette di portare con sé la stessa passione e dedizione che hanno caratterizzato l’evento per oltre tre decenni. Il ricordo delle edizioni passate si fonderà con l’ottimismo per ciò che verrà, lasciando un’eredità di creatività, innovazione e ispirazione per le generazioni future.

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Rimani connesso

890FansLike
- Advertisement -spot_img

Ultimissime