23.1 C
Rome
domenica, 23 Giugno 2024

Scoperta nuova sindrome correlata al COVID: MIP-C

Nuova sindrome correlata al COVID – la scoperta della sindrome MIP-C, o autoimmunità MDA5 e polmonite interstiziale contemporanea con COVID-19, rappresenta un avanzamento significativo nella comprensione delle complicazioni post-COVID. Questo studio, pubblicato su eBioMedicine del gruppo Lancet, è stato condotto dal Prof. Dennis McGonagle dell’Università di Leeds e dal Prof. Pradipta Ghosh della UC San Diego School of Medicine.

Un team internazionale

Il team, composto da ricercatori americani e britannici, ha scoperto che circa 25 dei 60 pazienti osservati hanno sviluppato cicatrici polmonari, conosciute come malattia polmonare interstiziale. Purtroppo, otto di questi pazienti sono deceduti a causa della fibrosi progressiva. Questa nuova sindrome correlata al COVID è stata denominata MIP-C.

Un approccio computazionale innovativo

Sfruttando un potente framework computazionale, il team di Ghosh ha estratto informazioni critiche dai big data per identificare questa nuova sindrome. Questo approccio aveva già permesso di individuare altre sindromi polmonari e cardiache legate al COVID, sia negli adulti che nei bambini.

Sintomi e diagnosi

La MIP-C è caratterizzata dalla presenza di autoanticorpi contro l’MDA5, un enzima sensibile all’RNA, che svolge un ruolo cruciale nel rilevamento di COVID-19 e altri virus a RNA. I pazienti colpiti mostrano cicatrici polmonari severe, che possono portare alla morte in casi estremi.

Prospettive future

Secondo il Prof. Ghosh, rapporti su sintomi simili alla MIP-C stanno emergendo da tutto il mondo. La scoperta dell’interleuchina-15 come collegamento causale apre nuove possibilità per la ricerca di trattamenti efficaci. Questa nuova sindrome correlata al COVID potrebbe rappresentare una svolta nella gestione delle complicazioni post-COVID.

La scoperta della nuova sindrome correlata al COVID, MIP-C, rappresenta un passo avanti significativo nella comprensione delle complicazioni a lungo termine del virus. La collaborazione internazionale tra UC San Diego e l’Università di Leeds ha permesso di identificare una condizione che potrebbe avere implicazioni importanti per la salute globale. La ricerca futura si concentrerà sulla comprensione e sul trattamento della MIP-C, sperando di migliorare la prognosi per i pazienti affetti.

Potrebbe interessarti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Rimani connesso

890FansLike
- Advertisement -spot_img

Ultimissime