16.6 C
Rome
sabato, 25 Maggio 2024

Centri migranti in Albania, slitta l’apertura programmata

Migranti, slitta l’apertura dei centri in Albania. I centri per migranti in Albania, la cui apertura era programmata per il 20 maggio, non saranno pronti in tempo a causa del ritardo nei lavori del Genio militare italiano. I lavori di allestimento presso i siti di Shengjin e Gjader sono infatti ancora in corso. L’accordo, concluso tra Italia e Tirana, prevedeva la gestione dei servizi di accoglienza entro “non oltre il 20 maggio 2024”.

Lavori in ritardo: cosa è successo?
L’avviso, emesso dalla prefettura di Roma a marzo per l’assegnazione dei servizi di accoglienza, ha stabilito che l’operatività fosse confermata con un preavviso di 15 giorni. Tuttavia, l’allestimento non è ancora ultimato. Il Genio militare italiano, responsabile dei lavori sui siti, è rimasto indietro rispetto alla tabella di marcia.

L’accordo tra Italia e Albania
L’intesa tra Roma e Tirana mira a gestire i flussi migratori, offrendo ai migranti strutture di accoglienza adeguate nei centri in Albania. Tuttavia, con i lavori ancora in corso, l’apertura dei centri subirà uno slittamento. L’appalto per la gestione, assegnato alla cooperativa Medihospes per 24 mesi, ha un valore di 133,8 milioni di euro.

Implicazioni del ritardo
Questo ritardo potrebbe comportare una maggiore pressione sulle strutture attualmente in uso. I centri albanesi, infatti, avrebbero dovuto alleggerire l’onere su quelle italiane, offrendo una soluzione temporanea e più gestibile. Ora, con lo slittamento dell’apertura, la sfida della gestione dei flussi migratori si fa più complessa.

Il ritardo nell’apertura dei centri per migranti in Albania rappresenta una criticità importante. La cooperativa Medihospes, che si occuperà della gestione, dovrà ora adattarsi ai nuovi tempi e garantire una transizione più rapida possibile.

Potrebbe interessarti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Rimani connesso

890FansLike
- Advertisement -spot_img

Ultimissime