23.1 C
Rome
domenica, 23 Giugno 2024

Milano: 21enne denuncia stupro di gruppo dopo serata

La vicenda ha scosso la città meneghina, portando all’attenzione pubblica l’ennesimo caso di violenza sessuale.

La giovane, una 21enne sudamericana, è stata trovata all’alba nel mezzanino della metropolitana M3 di piazzale Maciachini, in stato di shock. È stato un addetto alla sicurezza dell’Atm a lanciare l’allarme, dopo che la ragazza ha chiesto aiuto, visibilmente sconvolta.

La serata in Corso Como

Secondo il racconto della vittima, la serata era iniziata in uno dei locali di Corso Como, famosa zona della movida milanese. Tuttavia, quella che doveva essere una notte di divertimento si è trasformata in un incubo. La giovane ha dichiarato agli agenti di essere stata violentata da alcuni sconosciuti dopo aver lasciato il locale. Non è ancora chiaro se l’aggressione sia avvenuta per strada o in un altro contesto.

L’intervento della polizia

L’allarme è scattato giovedì mattina, poco prima delle 8. La 21enne si è presentata all’agente di stazione nella fermata della metropolitana M3 di Maciachini, raccontando di essere stata aggredita durante la notte. Gli agenti della polizia sono intervenuti immediatamente, trasportando la giovane alla clinica Mangiagalli, nota per il supporto alle vittime di reati sessuali, dove è stata ricoverata in codice giallo.

Indagini in corso

Le indagini sono ora nelle mani della squadra mobile, che sta cercando di ricostruire l’accaduto e di identificare i responsabili. L’evento ha scatenato un acceso dibattito sulla sicurezza nelle zone della movida milanese, portando molti a chiedere misure più severe per prevenire simili tragedie.

L’importanza della sicurezza

Questa vicenda mette nuovamente in luce l’importanza di garantire la sicurezza nelle aree frequentate dai giovani. Non si tratta solo di aumentare la presenza delle forze dell’ordine, ma anche di promuovere una cultura del rispetto e della responsabilità. La storia della 21enne di Milano è un doloroso promemoria di quanto sia ancora lunga la strada da percorrere per debellare la violenza di genere.

Potrebbe interessarti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Rimani connesso

890FansLike
- Advertisement -spot_img

Ultimissime