14.4 C
Rome
venerdì, 12 Aprile 2024

Roma Pride 2023: Una Sfilata di Orgoglio, Resistenza ed Esistenza

Le strade di Roma si sono trasformatein un tripudio di colori e festa, dando vita al Roma Pride, la sfilata dell’orgoglio LGBT+.

Questo evento,ha attirato anche quest0’anno un milione di partecipanti da ogni angolo del mondo ed è diventato uno dei momenti più significativi e affascinanti nel panorama internazionale.

Nonostante alcune polemiche che hanno circondato l’edizione di quest’anno, come il ritiro del patrocinio da parte della Regione Lazio, la parata è proceduta spedita con i suoi 34 carri che si sono snodati attraverso la città eterna.

L’obiettivo era quello di diffondere un messaggio di libertà, accettazione e uguaglianza, per costruire un mondo migliore per tutti.

Il tema scelto per questa edizione, “QueeResistenza”, racchiude in sé il desiderio di resistere alle forme di odio e discriminazione che ancora persistono e l’importanza di esistere pienamente, con orgoglio e autenticità.

È un grido di sfida verso un <governo che ha richiesto delle scuse, un richiamo a non abbassare la guardia di fronte a un clima di intolleranza.

È stato un trionfo senza precedenti per il Roma Pride 2022, un evento che ha coinvolto Elodie e ha visto la partecipazione straordinaria di 900.000 persone, dopo un’attesa sfiancante di 1099 giorni a causa dell’impatto del Covid-19.

Da sempre il Pride di Roma è il più partecipato in Italia, con una sfilata di decine di carri che attraversano il cuore della città, partendo da Piazza della Repubblica e raggiungendo gli imponenti scalini del Vittoriano, passando accanto al maestoso Colosseo e percorrendo i suggestivi Fori Imperiali. Non c’è dubbio che si tratti della cornice più incredibile al mondo per un evento Pride.

Nel frattempo, il Sindaco Roberto Gualtieri, che lo scorso anno ha partecipato al Roma Pride rompendo un lungo silenzio delle autorità cittadine, ha  reso omaggio alle vittime omosessuali del nazifascismo presso il monumento chiamato “Tutti Potenziali Bersagli”.

Da ben 28 anni, questo monumento commemora anche le persone LGBTQI+ che furono perseguitate e uccise prima e durante la Seconda Guerra Mondiale.

Tra le madrine del Roma Pride 2023 le celebri artiste Paola e Chiara che hanno espresso il loro sostegno alla comunità LGBT+ e ribadito che tutti meritano gli stessi diritti e opportunità.

La loro partecipazione simboleggia un legame profondo con la comunità che le ha ispirate lungo il corso delle loro carriere.

Il Roma Pride è stato  molto più di una semplice parata: è un momento di celebrazione della diversità e dell’amore libero da pregiudizi.

La giornata è culminata con il concerto “Rockme Pride” alla Capannelle, che ha regalato agli spettatori un’esperienza musicale coinvolgente e una dimostrazione tangibile di solidarietà e unità.

Il Roma Pride 2023 ha rappresentato un momento di riflessione su quanto sia stato raggiunto finora nel percorso verso una società più inclusiva e rispettosa, ma anche una chiamata all’azione per continuare a lavorare per un futuro migliore.

È stata un’occasione per esprimere l’orgoglio e la determinazione di coloro che lottano per l’uguaglianza, per creare un mondo in cui tutti possano vivere autenticamente e senza paura di essere se stessi.

L’attesa per l’Onda Pride 2023 è iniziata, con i Pride di Milano, Napoli e Chieti in programma per il 24 giugno. Sarà un’occasione per continuare a celebrare la diversità e l’inclusione.

Potrebbe interessarti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Rimani connesso

890FansLike
- Advertisement -spot_img

Ultimissime