10.3 C
Rome
venerdì, 19 Aprile 2024

Salario minimo: bagarre alla Camera, opposizioni ritirano la firma

Nel mezzo di un acceso dibattito alla Camera dei Deputati, il salario minimo si trova al centro delle polemiche. L’Aula ha respinto l’emendamento presentato dall’opposizione che mirava a riscrivere il testo proposto dalla Commissione Lavoro di Montecitorio. I voti a favore sono stati 111, mentre ben 149 sono stati i contrari, con tre astenuti.

Dopo questa bocciatura, una serie di eventi ha scosso la politica italiana. Il leader di Italia Viva, Giuseppe Conte, ha deciso di ritirare il suo nome dal testo della proposta di legge, di cui originariamente era stato il primo firmatario. Questa mossa ha segnato un momento di svolta nel dibattito politico sul salario minimo.

Non solo Conte, ma anche altri esponenti politici di rilievo hanno seguito il suo esempio. La segretaria del Partito Democratico, Elly Schlein, ha ritirato la sua firma dal provvedimento, dimostrando la divisione all’interno del governo. La stessa decisione è stata presa da Nicola Fratoianni (Alleanza Verdi-Sinistra), Riccardo Magi (+Europa) e Matteo Richetti (Azione).

Il Ministro Calderone si esprime sul salario minimo

Mentre il dibattito infuria in parlamento, il Ministro del Lavoro, Marcello Calderone, ha dichiarato: “Ragionare su un’equa retribuzione è fondamentale, ma siamo contrari a fissare un salario minimo per legge”. Questa posizione ha suscitato ulteriori tensioni e divisioni all’interno del governo e tra le forze politiche.

La risposta di Conte

Giuseppe Conte ha risposto alle decisioni dell’opposizione con parole forti, affermando: “Voltate le spalle a 3,6 milioni di lavoratrici e lavoratori”. Ha accusato la presidente Meloni e il governo di aver gettato la maschera, sostenendo che la maggioranza ha ignorato le esigenze di milioni di lavoratori che vivono con stipendi insufficienti. Ha anche criticato l’approccio legislativo, definendo la legge delega una modalità proditoria per trattare la questione del salario minimo.

La reazione di Elly Schlein

Elly Schlein, segretaria del Partito Democratico, ha duramente criticato la decisione dell’opposizione, affermando: “State pugnalando alle spalle le persone sfruttate perché non avete il coraggio di guardarle negli occhi mentre affossate una proposta giusta per l’Italia”. Ha accusato il governo di schierarsi dalla parte degli sfruttatori anziché difendere gli interessi dei lavoratori.

Questo acceso dibattito politico sul salario minimo continua a dividere la scena politica italiana, sollevando importanti questioni sul futuro del lavoro e delle condizioni dei lavoratori nel paese.

Potrebbe interessarti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Rimani connesso

890FansLike
- Advertisement -spot_img

Ultimissime