19.9 C
Rome
giovedì, 18 Luglio 2024

Crescita preoccupante di malattie sessuali tra i giovani: aumentano gonorrea e sifilide

Boom di malattie sessuali tra i giovani: allarme gonorrea e sifilide. Un recente convegno ha evidenziato una crescita preoccupante delle infezioni sessualmente trasmissibili, in particolare tra i giovani. Vediamo i dati e le cause di questo fenomeno.

Con l’arrivo dell’estate, l’attenzione si sposta sulle infezioni sessualmente trasmissibili (IST), tra cui HIV, epatiti virali, papilloma virus e infezioni batteriche come clamidia, gonorrea e sifilide. Queste ultime due, in particolare, hanno registrato un aumento significativo dei contagi, soprattutto tra i giovani. Durante la 16esima edizione dell’Icar (Italian Conference on Aids and Antiviral Research) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, è emerso un quadro allarmante sull’incremento delle IST, sottolineando l’importanza della prevenzione e dell’informazione.

In attesa della pubblicazione del Notiziario ufficiale dell’Istituto superiore di sanità, i primi dati dei sistemi di sorveglianza sentinella delle IST, coordinati dal Centro Operativo Aids dell’Iss, mostrano un aumento delle infezioni batteriche. Nel 2022, i casi di gonorrea segnalati sono stati circa 1200, con un incremento del 50% rispetto ai 820 casi del 2021. I casi di sifilide, invece, sono aumentati del 20%, passando da 580 a 700 nello stesso periodo. Questa crescita non è solo un effetto della maggiore socializzazione post-pandemia, ma si osserva anche rispetto ai dati del 2019, quando i casi di gonorrea erano 610 e quelli di sifilide 470.

Come spiegato da Barbara Suligoi, direttrice del Coa dell’Iss, oltre a una scarsa informazione sulle IST, vi sono diversi fattori che contribuiscono all’aumento dei casi tra i giovani. Molti non sanno dove reperire informazioni accurate né dove eseguire i controlli necessari. Spesso si affidano al web per informazioni, trovando fonti inaffidabili. Inoltre, l’abbassamento della soglia di prudenza nei momenti di socialità e l’uso di droghe o chemsex aumentano il rischio di contrarre IST.

Le IST possono presentare segni e sintomi comuni come secrezioni anomale, dolore pelvico, prurito, lesioni nei genitali, ano o bocca, dolore e sanguinamento durante i rapporti sessuali. Tuttavia, spesso sono asintomatiche, rendendo difficile la diagnosi e la prevenzione della trasmissione.

La prevenzione è fondamentale e può essere attuata attraverso l’astensione da attività sessuali a rischio, vaccinazioni per infezioni come HPV e epatiti, e l’evitare l’uso di droghe e alcol. Inoltre, è importante non condividere oggetti come rasoi, forbici, aghi e spazzolini da denti che possono trasmettere infezioni.

È necessario un maggiore impegno nella diffusione di informazioni accurate e accessibili sulle IST, soprattutto tra i giovani. Educazione sessuale e affettiva a livello scolastico e percorsi chiari per chi sospetta di aver contratto un’IST sono fondamentali per arginare questo fenomeno crescente.

Potrebbe interessarti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Rimani connesso

890FansLike
- Advertisement -spot_img

Ultimissime